Cucina, come crearla in soggiorno con una chiusura parziale

soggiorno con cucina

Capita sempre più spesso di notare come la cucina venga inserita all’interno del contesto del soggiorno. In tutti quei soggiorni che possono contare sulla presenza di una sola finestra, la zona cottura viene sviluppata come un elemento ben distinto, anche se è aperta e pure protetta. In questo modo, infatti, riesce ad essere a norma, ma anche molto comoda e interessante dal punto di vista estetico.

Un soggiorno con cucina

L’evoluzione del soggiorno verso una vera e propria zona living è quantomai azzeccata in tante abitazioni. Uno spazio che prevede l’inserimento di una cucina separata: tale scelta, però, deve avvenire con attenzione, valutando bene non solo le dimensioni iniziali dell’ambiente, ma anche le aperture presenti.

Zona living e zona cottura devono essere a norma

Infatti, sia il soggiorno che la cucina, con questa divisione, devono risultare a norma: insomma, sia la superficie che i valori di aeroilluminazione devono rispettare quanto viene previsto dalla legge. Di conseguenza, entrambi questi aspetti devono essere adatti alle funzioni che devono svolgere entrambi questi spazi.

Il limite di una sola finestra

La presenza di una sola finestra in un soggiorno comporta un limite piuttosto importante. Ecco spiegato il motivo per cui il progetto, per fare in modo di mantenerla, spesso e volentieri prevede una chiusura parziale della zona cottura. Certo, dal punto di vista prettamente visiva, somiglierà più che altro ad una separazione vera e propria.

Progetti e altezze

Capita di frequente che i progetti che abbiano questo obiettivo finale sfruttino una superficie vetrata che va da a dividere fino a 180 centimetri di altezza, mentre la parte superiore rimane libera.

Uno spazio a sè? L’impressione è quella

Dando un’occhiata alla zona cottura dal living, invece, si ha l’impressione che la cucina sia proprio uno spazio a sé. Tutto merito anche del controsoffitto che può andare a limitarne il volume e alla scelta delle finiture, ottime quelle in legno, che possono garantire quel distacco estetico che porta allo spazio in questione una notevole autonomia.

Dimensioni ridotte

È chiaro come la zona cottura che ne venga ricavata presenti delle dimensioni piuttosto ridotte, ma che saranno sufficienti per poter inserire tutta una serie di elementi d’arredo e avere tutti gli strumenti necessari per poter preparare degli ottimi piatti.

Cartongesso e vetro

Facile intuire anche come non possa essere realmente definito un ambiente a sé, visto che l’uso del cartongesso è necessario, ma in ogni caso la zona cottura è protetta dal soggiorno, anche magari l’inserimento con una specifica lastra di vetro e da una porta trasparente.