Zona cottura, ecco come progettarla per farla rendere al meglio

zona cottura

Una delle componenti fondamentali di ogni cucina è certamente la zona cottura. Si tratta dell’area in cui si preparano i diversi piatti e, di conseguenza, spesso e volentieri può contare sull’accoppiata fornello e cappa. Non tutti sanno, però, come l’elemento da prendere in considerazione per primo sia il fornello.

Zona cottura, la scelta del fornello

È chiaro come la scelta del fornello sia piuttosto difficile, visti i tanti modelli che sono stati lanciati sul mercato. Il dibattito tra i fornelli a gas e quelli a induzione è sempre ben presente ai giorni nostri. Eppure, spesso non si considera come tale decisione sia legata, in realtà, ad una molteplicità di fattori a cui va data la giusta attenzione.

I fattori che incidono sulla decisione

Tra i principali fattori che possono andare ad incidere sulla scelta del fornello, troviamo sicuramente le necessità di chi trascorre gran parte del tempo in cucina, ma anche i piatti che prepara con maggiore frequenza. Inoltre, è importante tenere in considerazione anche il tempo che si passa davanti ai fornelli, così come la presenza, o meno, di una canna fumaria, in maniera tale da far adeguatamente fuoriuscire tutti quei fumi che sono legati alla combustione.

Il progetto

È chiaro che l’intero progetto relativo alla zona cottura cambia se esistono già degli impianti: la loro posizione inciderà inevitabilmente anche su ogni scelta e sulla composizione su cui si deciderà di puntare. Giusto per fare un esempio, inserire una zona cottura su un’isola, non è spesso la soluzione più adeguata e non è una questione unicamente di spazi a disposizione.

Le varie composizioni

All’interno delle cucine di dimensioni medie, ma è un discorso che va benissimo anche per quelle più grandi, la penisola si può inserire con maggiore facilità. La zona cottura, inoltre, propria sulla penisola, peculiarità delle composizioni a U piuttosto che a L, permette di avere a disposizione un triangolo di lavoro classico.

Zona cottura sulla penisola operativa

La zona cottura sulla penisola operativa è un bel vantaggio. La definizione degli spazi ne trae beneficio, così come serve anche intervenire molto di meno sui muri e sui vari impianti presenti in cucina. Un aspetto a cui prestare la massima attenzione: qualora la zona cottura venisse collocata sul bancone, allora la parte dedicata al lavaggio si dovrebbe inserire nella posizione adiacente e, in mezzo, ci dovrebbe andare un piano di lavoro.

I vantaggi

Uno dei vantaggi delle zone cotture poste sulle penisole è certamente il fatto di poter essere ampiamente personalizzabili. Infatti, si può decidere anche di inserire un tavolo da pranzo nel medesimo ambiente, sempre lasciando lo spazio necessario per muoversi in maniera agevole.