Pietra sinterizzata: una nuova soluzione per le superfici della cucina

Pietra sinterizzata

La pietra sinterizzata si sta affermando sul mercato come una delle principali tendenze del momento. I motivi sono abbastanza facili da intuire sono da ricollegare ovviamente alle principali caratteristiche di tale materiale, che riesce a combinare compattezza, resistenza, ma anche una notevole durata nel tempo.

Insomma, la pietra sinterizzata è diventata davvero uno di quei materiali che non possono affatto mancare all’interno delle cucine professionali o, comunque, di alta qualità. Questo materiale deriva da una tecnologia che è in grado di replicare praticamente in tempi strettissimi quello che invece è un processo naturale che impiega secoli e secoli.

Grazie alla pressione particolarmente alta e al processo di cottura a temperatura (che deve essere sufficientemente elevata), ecco che si possono fari diventare degli ingredienti naturali, come ad esempio il silicio, piuttosto che ossidi naturali o il quarzo, delle vere e proprie lastre, decisamente sottili, ma di dimensioni notevoli, che rappresentano la nuova generazione rispetto a porcellane e ceramiche.

Un procedimento che offre la possibilità di ricavare delle superfici a massa completa, che si caratterizzano per essere al contempo durature, ma anche dotate di una notevole resistenza e compattezza. Dal punto di vista della robustezza presentano diverse caratteristiche in comune con il granito, mentre ricordano i vetri minerali dal punto di vista della stabilità chimica.

La pietra sinterizzata, che non ha eguali sia dal punto di vista delle prestazioni, ma anche sotto il profilo dell’estetica, corrisponde ad una soluzione che può tornare decisamente utile non solamente per i progettisti, ma anche per tutti coloro che, in un ambiente come la cucina, vogliono avere a disposizione delle superfici estremamente semplici da pulire, in cui né batteri né germi possono attaccare, così come acidi piuttosto che prodotti per la pulizia.

Tra le principali caratteristiche della pietra sinterizzata troviamo sicuramente il fatto di non essere porose, ma al contempo di avere un alto livello di resistenza rispetto alle macchie, così come alle temperature elevata: stesso discorso per quanto riguarda umidità, abrasioni, graffi, ma anche raggi UV.

Questo tipo di lastre si caratterizzano anche per non diffondere alcun tipo di sostanza nociva, adeguandosi alla perfezione al contatto con i diversi alimenti. Ovviamente, c’è la possibilità di pulire queste lastre usando tutti i vari prodotti presenti in commercio, senza correre alcun rischio o preoccuparsi che questi ultimi possano andare in qualche modo a rovinare tale materiale. Infine, si tratta di una scelta decisamente ecosostenibile, visto che le materie prime impiegate nel processo produttivo sono, nella maggior parte dei casi, riciclate.