Cucine in legno, ecco perché la tradizione è sempre attuale

cucine in legno

Che abbiano uno stile moderno oppure uno stile classico, bisogna sottolineare come le cucine in legno siano sempre molto belle da vedere e anche decisamente eleganti, ovviamente con tutti i vantaggi che un simile materiale può offrire.

Il legno, infatti, è un materiale di alta qualità, che ha il pregio di invecchiare in via del tutto naturale, senza però perdere al contempo le sue caratteristiche, e non solo dal punto di vista estetico. Al tatto riesce a trasmettere una sensazione davvero piacevole, regalando calore a qualsiasi ambiente in cui viene inserito, anche quando ci sono solamente alcuni arredi.

Il rovere, in ogni tonalità possibile e immaginabile, si caratterizza per essere l’essenza maggiormente diffusa e apprezzata, ma ci sono anche tantissimo modelli di cucine che vengono realizzate in legno di olmo oppure in legno di noce. Non dobbiamo dimenticare come esista pure una produzione di qualche cucina che va a sfruttare il legno recuperato ed è una soluzione ideale per un progetto totalmente ecosostenibile.

Nelle cucine di gamma medio-alta, ecco che il legno viene impiegato con l’intento di sviluppare una serie di composizioni classiche, che non perdono mai il proprio fascino. Al tempo stesso, però, c’è l’opportunità di creare anche delle combinazioni estremamente moderne, con un tocco pure minimal, anche se si può puntare pure su uno stile decisamente più industrial.

Proviamo a dare un’occhiata a quali sono le principali tipologie di legno che vengono impiegate per la realizzazione delle cucine. La prima categoria è quella del legno massiccio o massello: si tratta di un pannello di legno naturale, che si ottiene direttamente dal tronco dell’albero e si caratterizza per essere estremamente duro, ma anche molto compatto.

Altrimenti, si può optare per il legno impiallacciato, ovvero un pannello di legno, che può essere di varie tipologie come compensato, massello, truciolare o Mdf, che è oggetto di un apposito rivestimento in cui vengono usati dei fogli di essenza di maggiore qualità.

Tra le altre categorie di legno maggiormente diffuse in cucina troviamo sicuramente il legno multistrato, che si ottiene andando ad incollare dei fogli molto sottili di legno con le fibre incrociate. Poi c’è il compensato, ovvero una tipologia di pannello in legno che viene lavorata artificiale. Una delle soluzioni maggiormente apprezzate e diffuse è sicuramente quella del multistrato che viene trattato con dei composti chimici in maniera tale da resistere all’acqua. Infine, troviamo il truciolare, ovvero un pannello realizzato con gli scarti della lavorazione del legno.